8 giugno 2017

MICROFIBRA

Microfibra - da micro + fibra.

Fibra chimica (hight-tech) realizzata con filati a bava continua la cui finezza è pari o inferiore a 1 decitex (contro i 3 decitex di una fibra chimica classica), realizzata principalmente con poliammide o poliestere. Generalmente più fine è la fibra e più si ottengono tessuti dal look unico, leggeri e robusti, ingualcibili, morbidi e lisci, dalla mano delicata e dall'eccellente drappeggio. Tuttavia, se il titolo è troppo fine, il tessuto risulterà floscio piuttosto che morbido. I tessuti di microfibra sono di facile manutenzione, lavabili a macchina, durevoli e mantengono la forma originaria. Si realizzano tessuti che sono filtranti (lasciano respirare la pelle, e consentono al sudore in forma di vapore acqueo di sfuggire all'esterno) e anti-vento (grazie ad una contestura molto serrata). La lavorazione smerigliata rende il tessuto, in 100% poliestere, caldo e morbido come la lana.




Le mischie di microfibra possono risolvere molti problemi, ma per le più alte prestazioni sono migliori i materiali in pura microfibra. Le fibre sintetiche sono diventate più attraenti grazie alle recenti ricerche sulle microfibre. I principali nomi generici di questo gruppo di fibre sono poliammide, poliestere, polipropilene, acetato, acrilico, viscosa ed elastam, dalle quali deriva una miriade di marchi commerciali, ed a sua volta in innumerevoli versioni. L'unione di poliammide ed elastam, in percentuali diverse, è oggi alla base dei tessuti in microfibra impiegati per la corsetteria.

Per i tessuti per esterni le microfibre possono essere anche in mischia con filati naturali quali il cotone (per il suo aspetto e per le sue capacità assorbenti) o la seta.
Le microfibre trovano largo impiego nell'abbigliamento sportivo (piumini imbottiti e giacconi sportivi) e tecnico (dedicate agli sport estremi) ed oggi fanno parte anche dell'abbigliamento cittadino e della moda (tempo libero), per l'intimo, costumi da bagno, maglieria, calzetteria e per il tessile d'arredamento.

STORIA - La produzione risale agli anni Settanta del XX secolo ed è il risultato di studi ingegneristici incentrati sulla manipolazione delle strutture molecolari della materia.



Rames Gaiba
© Riproduzione riservata

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.